Logo RAS
ARCHIVIO STORICO VIRTUALE DELLA REGIONE SARDEGNA

torna indietro

Ufficio del medico provinciale, 1888-1978

denominazioni: Ufficio del medico provinciale, denominazione preferita Medico provinciale, denominazione ufficiale, 1888 - 1978
note storico descrittive L'Ufficio del medico provinciale è istituito dalla legge n. 5849 del 22 dicembre 1888, nota come legge Crispi-Pagliani, con compiti di vigilanza sull'andamento sanitario in ambito provinciale: è compito del medico provinciale tenere corrispondenza con tutti gli uffici sanitari comunali e provinciali, vegliare sui singoli istituti e accertarsi dell'esecuzione delle normative sanitarie, nonché formulare le relazioni annuali sullo stato sanitario della Provincia.
Con l'istituzione del Ministero della sanità, secondo la legge n. 296 del 13 marzo 1958, l'Ufficio del medico provinciale diventa organo periferico, le sue funzioni si ampliano e gli vengono attribuite competenze in materia di sanità pubblica già spettanti al prefetto, divenendo così punto di convergenza delle attività sanitarie di vigilanza igienica e profilassi, di medicina preventiva ed assistenziale.
L'Ufficio del medico provinciale viene soppresso con la legge n. 833 del 23 dicembre 1978 che istituisce il Servizio sanitario nazionale; di fatto, fino alla metà degli anni '90, continuerà ad esercitare all'interno dell'amministrazione regionale le attività amministrative e tecniche non espressamente attribuite ad altri servizi fino alla legge regionale n. 30 del 13 ottobre 1998 che attribuisce le sue funzioni alle aziende sanitarie.
+ leggi tutto
Rapporti con il territorio e le istituzioni: amministrazione di appartenenza (Ministero della sanità) dal 1888 al 1958 amministrazione di appartenenza (Ministero della sanità) dal 1958 al 1978 contesto istituzionale (Repubblica italiana) dal 1888 al 1978
Relazioni: entità relazionata: Direzione generale della sanità
tipo di relazione: eredita parte delle competenze
dal 1998
Complessi archivistici: