Logo RAS
ARCHIVIO STORICO VIRTUALE DELLA REGIONE SARDEGNA

torna indietro

LEGGE REGIONALE 31 gennaio 1956, n. 36. Controllo sulle province e sui comuni




1956 gen. 31

Pubblicato su Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna, 28 febbraio 1957, n. 47
Disponibile su: Sito web della Regione Sardegna
La norma assegna il controllo sulle provincie e sui comuni ad un Comitato di controllo, avente sede in Cagliari, e alle due sezioni di Sassari e Nuoro responsabili del controllo sulle provincie e sui comuni appartenenti a quelle circoscrizioni provinciali.
STRUTTURE
  • Comitato di Controllo
    articoli: 2
    organizzazione:
    Nominato con decreto del Presidente della Giunta regionale è composto da: a) dall'assessore agli enti locali, o da un funzionario da lui delegato, che lo presiede; b) da tre esperti nelle discipline amministrative, inscritti nelle liste elettorali di un comune della regione relative ai cittadini chiamati ad eleggere il consiglio regionale, eletti dal consiglio regionale; c) da un magistrato del tribunale amministrativo regionale designato dal presidente del tribunale stesso. Presso il Comitato di controllo è istituito un ufficio di segreteria diretto da un funzionario della regione nominato dal presidente della giunta regionale, su proposta dell' assessore agli enti locali.
    competenze:
    Esercita nei confronti delle provincie e dei comuni i controlli di legittimità, esclusi quelli di cui al 1^ comma dell'articolo 9, ed i controlli di merito che le disposizioni vigenti all'entrata in vigore della presente legge attribuiscono al prefetto ed alla giunta provinciale amministrativa; esercita, inoltre, i poteri di controllo sostitutivo che le vigenti norme deferiscono parimenti al prefetto ed alla giunta provinciale amministrativa.
  • Servizio di vigilanza
    articoli: 7
    organizzazione:
    Istituito alle dipendenze dell'Assessorato agli enti locali, è affidato a funzionari della Regione (di gruppo A o B).
    competenze:
    Assistenza e consulenza, al fine di assicurare il regolare svolgimento dei servizi amministrativi delle province e dei comuni.