Logo RAS
ARCHIVIO STORICO VIRTUALE DELLA REGIONE SARDEGNA

torna indietro

REGIO DECRETO LEGGE 17 febbraio 1927, n. 324. Soppressione della Direzione generale delle foreste e dei demani ed istituzione dell'Azienda foreste demaniali




1927 feb. 17

Pubblicato su Gazzetta ufficiale del Regno d'Italia, 22 Marzo 1927, n. 67
Disponibile su: Sito web au.gu.sto.
La Direzione generale delle foreste e demanio viene soppressa e i servizi e compiti dell'Azienda speciale del demanio forestale di Stato sono attribuiti ad un ente autonomo denominato Azienda foreste demaniale (A.F.D.), sotto il controllo del Ministero dell'economia nazionale e del Ministero delle finanze.
STRUTTURE
  • Azienda foreste demaniali
    articoli: 2, 4-5, 12-15
    organizzazione:
    Sono organi dell'Azienda: il consiglio d'amministrazione, che delibera su tutti gli affari attribuitigli dallo statuto organico, sul bilancio preventivo ed il rendiconto consuntivo; il direttore dell'Azienda, che cura l'attuazione degli scopi dell'ente ed è a capo degli uffici tecnici ed amministrativi; il comitato esecutivo che esercita le funzioni delegate dal consiglio d'amministrazione, ed è composto dal ministro presidente o dal suo delegato, dal vice-presidente e da un altro componente dello stesso consiglio.
    competenze:
    L'Azienda provvede al disimpegno dei servizi tecnici ed amministrativi tramite il personale della Milizia nazionale forestale; ha il compito di conservare, ampliare e migliorare il patrimonio forestale dello Stato e di sviluppare le attività utili per l'incremento ed il miglioramento dell'economia delle regioni boschive; assume l'amministrazione di lasciti e di fondazioni per l'incremento della silvicoltura. Gestisce il suo patrimonio, costituito dai boschi, terreni e fabbricati già amministrati dalla cessata Azienda del demanio forestale di Stato. Il suo bilancio ha come entrate i redditi ed i proventi dei beni costituenti il demanio forestale dello Stato, le indennità annue che il ministro per i lavori pubblici impegna per i lavori di sistemazione idraulico-–forestale da pagare ai proprietari dei terreni acquistati o espropriati dall'Azienda, gli interessi dei fondi pubblici, i redditi di eventuali donazioni o lasciti ed il ricavato di alienazioni di terreni del demanio forestale. Sono a carico dell'Azienda tutte le spese riguardanti le gestioni ad essa affidate, compresi gli oneri della cessata Azienda del demanio forestale di Stato.