Logo RAS
ARCHIVIO STORICO VIRTUALE DELLA REGIONE SARDEGNA

torna indietro

REGIE PATENTI 14 settembre 1844, n. 132. Con le quali S.M. approva un Regolamento pel governo dei boschi nel Regno di Sardegna




1844 set. 14

Regolamento che istituisce, a partire dal 1° gennaio 1845, l'ufficio dell'amministrazione forestale per la Sardegna, in sostituzione dell'ufficio per l'amministrazione delle miniere, dei boschi e delle selve, e sotto il controllo della Regia segreteria di Stato per gli affari di Sardegna. La neonata amministrazione è composta dall'intendente generale e dagli intendenti delle province per le funzioni amministrative e ispettive; dal conservatore dei boschi, dai brigadieri di 1°, 2°, 3° classe, dai guardaboschi, dai campari o guardie particolari dei comuni per il servizio attivo. Si determinano regole speciali per conservazione e i diritti d'uso (ademprivi) dei boschi demaniali e di proprietà privata, relative soprattutto alla sorveglianza, vendita dei tagli, affitto dei boschi demaniali, pascolo, prescrizioni e contravvenzioni. Si precisano le funzioni e competenze dei vari organi che compongono questa amministrazione: 1. L'intendente generale e capo vigila e decide su tutti gli affari relativi all'amministrazione; 2. Gli intendenti delle province stabiliscono le prescrizioni per la pratica dei diritti d'uso e si preoccupano dell'osservanza di queste nei dipartimenti di loro giurisdizione. 3. Il conservatore, con sede a Sassari, dirige il servizio attivo di tutti gli agenti subalterni. 4. I brigadieri, i guardaboschi, ed i campari emettono contravvenzioni e denunce in caso di violazione del presente regolamento.