Logo RAS
ARCHIVIO STORICO VIRTUALE DELLA REGIONE SARDEGNA

torna indietro

REGIO DECRETO 16 maggio 1926, n. 1126. Approvazione del regolamento per l'applicazione del regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267




1926 mag. 16

Pubblicato su Gazzetta ufficiale del Regno d'Italia, 6 luglio 1926, n. 1154
Disponibile su: Sito web au.gu.sto.
In attuazione del regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267, si regolamenta la legislazione in materia di boschi e di terreni montani. Nello specifico: - sono precisate le zone soggette a vincolo per scopi idrogeologici o per le quali sia riconosciuta necessità o urgenza; - sono indicate le norme per la sistemazione ed il rimboschimento dei terreni montani e sono fissate le regole per ottenere incentivi a favore della silvicoltura e dell'agricoltura montana e della gestione dei patrimoni silvo-pastorali dello Stato; - sono definite le competenze e le funzioni dei Comitati forestali e degli Ispettorati forestali, relativamente alle operazioni di determinazione di vincolo.
STRUTTURE
  • Ispettorato forestale del ripartimento
    articoli: 3, 8, 12, 15, 24, 49, 58, 67, 70-71, 73, 78, 90, 92, 94-95, 101-102, 143, 178
    competenze:
    L'Ispettorato forestale del ripartimento ha una funzione istruttoria in merito alle procedure di vincolo ed alle richieste di trasformazione di boschi in altre qualità di colture.

    -------

    In particolare l'Ispettorato forestale del ripartimento svolge le seguenti attività:
    - compila e aggiorna gli elenchi di vincolo per ogni comune;
    - notifica la data in cui si procederà al sopralluogo di verifica, previo pagamento delle spese a cura degli interessati che si oppongono alla proposta di delimitazione della zona da vincolare o svincolare;
    - può notificare le decisioni del Comitato forestale in merito alla determinazione della zona da vincolare ed ai reclami, contro reclami e domande di esclusione dal vincolo;
    - l'ispettore capo del ripartimento può rappresentare l'Azienda del demanio forestale per la conciliazione di contravvenzioni commesse nelle foreste demaniali dello Stato;
    - compila i progetti esecutivi per opere di sistemazione idraulico-forestale dei bacini montani di competenza del Ministero dei lavori pubblici;
    - compie il collaudo per la parte tecnica e contabile dei lavori di competenza dell'amministrazione forestale eseguiti in economia;
    - accoglie le osservazioni dei proprietari non intervenuti alla riconsegna dei fondi rimboscati e sistemati e le trasmette al Ministero per l'economia nazionale;
    - accoglie le dichiarazioni di rinuncia alla riconsegna dei suddetti fondi con indicato il prezzo di cessione e le trasmette al Ministero per l'economia nazionale;
    - conserva e mantiene le opere non eseguite direttamente dall'amministrazione statale, dopo l'approvazione del collaudo finale; liquida le spese di custodia e manutenzione per ogni esercizio finanziario e invia copia della liquidazione agli enti interessati e al Ministero delle finanze per i rimborsi;
    - accerta l'inosservanza degli obblighi assunti da parte dei proprietari a cui è stato concesso l'atto di esecuzione di lavori per la sistemazione agraria dei loro terreni compresi nel perimetro dei bacini montani;
    - accoglie e trasmette al Ministero competente gli atti di istruttoria per opere di rimboschimento e di sistemazione dei bacini montani concesse a vari enti;
    - sorveglia e accerta annualmente le opere date in concessione, liquida l'importo di ogni singola opera, trasmette il certificato di liquidazione al Ministero competente per l'approvazione;
    - può diffidare il concessionario inadempiente a mettersi in regola, informandone il Ministero competente; redige un processo verbale in contraddittorio col rappresentante del concessionario che non abbia provveduto alla sua regolarizzazione entro il termine stabilito;
    - provvede alla pubblicazione della carta topografica e dell'elenco dei terreni compresi nei progetti di rimboschimento e di ricostituzione dei boschi estremamente deteriorati, nonché alla notificazione dell'elenco ai proprietari interessati;
    - compila i bilanci preventivi ed i conti consuntivi dei consorzi costituiti per il rimboschimento e rinsaldamento dei terreni vincolati;
    - esercita la tutela economica di boschi situati in due o più province;
    - vigila sulla gestione dei boschi del Demanio forestale dello Stato.
    L'originale della carta topografica ed i documenti relativi alla determinazione dei terreni vincolati sono conservati presso l'Ispettorato forestale del ripartimento.
  • Ispettorato forestale
    articoli: 10-11, 17, 20-21, 24, 28, 31-36, 43, 46, 48, 50-53, 59, 76-77, 79-83, 106, 108-110, 125, 133-134, 137-141, 166, 175, 177, 193
    competenze:
    L'Ispettorato forestale svolge un ruolo di vigilanza e controllo sul vincolo e per la sistemazione e rimboschimenti dei terreni montani.

    --------

    In particolare l'Ispettorato forestale svolge le seguenti attività:
    - invia ai sindaci interessati la documentazione relativa alle zone da vincolare ed ai terreni esclusi dal vincolo;
    - può dissentire dalla determinazione del Comitato forestale in merito al vincolo e all'esito dei reclami, contro reclami e domande di esclusione dal vincolo mediante motivato rapporto al Ministero per l'economia nazionale;
    - accerta le buone condizioni di terreni già sistemati, in caso contrario dichiara cessate le ragioni per l'esenzione dal vincolo al Comitato forestale;
    - prescrive le modalità per il dissodamento di terreni nudi e saldi, al fine di evitare la denudazione del suolo e prevenire i danni previsti nell'articolo 1 del regio decreto n. 3267/1923;
    - propone al Comitato forestale norme integrative, qualora le prescrizioni di massima risultino insufficienti in merito alla trasformazione dei boschi in altre qualità di coltura o per i terreni saldi soggetti a periodica lavorazione;
    - comunica alla Sezione catastale o all'Ufficio tecnico di finanza le modifiche di vincolo a particelle comprese nell'elenco generale delle particelle catastali soggette a vincolo forestale;
    - provvede alle eventuali rettifiche in caso di reclami sulla consistenza dei beni soggetti a vincolo o per omissione di particelle effettivamente vincolate o per l'inclusione di particelle non vincolate;
    - propone forme e modalità di godimento di boschi soggetti a vincolo al Comitato forestale;
    - convoca proprietari o possessori dei boschi da sottoporre a vincolo, anche i rappresentanti degli enti e delle amministrazioni, e i privati sostenitori del vincolo per un accordo sull'ammontare dell'indennizzo o per designare i propri arbitri in caso di disaccordo sull'indennizzo;
    - comunica i nomi degli arbitri suddetti, e in caso di disaccordo tra gli arbitri delle parti, invita il Tribunale della circoscrizione in cui si trova il bosco, a nominare un terzo arbitro, più un arbitro non nominato dalle parti;
    - invita le parti per la costituzione del Collegio arbitrale;
    - comunica al Collegio arbitrale gli atti e i documenti relativi all'imposizione del vincolo ed alle limitazioni al godimento del bosco;
    - fornisce al Comitato forestale indicazioni per la formazione di tariffe dei prezzi di mercato sulla base delle quali si applicano le pene pecuniarie per le contravvenzioni accertate in ciascuna provincia;
    - riceve un esemplare del processo verbale delle contravvenzioni e quando la contravvenzione è stata commessa da amministratori del comune ne dà immediatamente avviso al prefetto o al sottoprefetto;
    - l'ispettore capo forestale, ricevuto il processo verbale della contravvenzione, dà corso all'esperimento di conciliazione;
    - informa l'ufficio del Registro della sede del Ripartimento dell'avvenuta conciliazione e i nomi degli agenti scopritori della contravvenzione per la corresponsione della quota di premio dovuta, invia anche la ricevuta del vaglia postale se il contravventore si è avvalso di questo mezzo per il pagamento dell'ammenda;
    - redige il processo verbale della conciliazione;
    - annota in uno speciale registro i processi verbali di contravvenzione e quelli di conciliazione; in uno schedario riporta i nomi dei contravventori con la data della contravvenzione ed il riferimento alle pagine del registro;
    - accoglie le domande di proprietari riuniti anche in consorzio che intendano avvalersi di concessioni stabilite agli articoli 52 e 55 del regio decreto legge 3267/1923;
    - le suddette domande sono completate dall'Ispettorato allegandovi uno schema di disciplinare con modalità e condizioni per l'esecuzione dei lavori, compreso il termine prestabilito dei lavori stessi, quindi le trasmette al Ministero per l'economia nazionale;
    - certifica la buona riuscita delle opere e delle piantagioni annualmente eseguite per ogni singola zona;
    - certifica l'inizio dei lavori e le buone condizioni delle colture per la richiesta di un acconto sul rimborso dopo un biennio dall'inizio dei lavori di sistemazione agraria o di rimboschimento;
    - propone la cessazione di esenzione per i proprietari che non mantengono regolarmente i terreni a bosco secondo il piano di coltura e di conservazione stabilite all'articolo 54 del regio decreto legge 3267/1923, comma 3°;
    - accoglie le domande dei soggetti che intendano eseguire direttamente le opere di sistemazione dei bacini montani, e le trasmette al Ministero competente;
    - accoglie le domande per la concessione di contributi per il miglioramento dei pascoli montani, con indicati: l'ubicazione del pascolo, i dati catastali, attuale forma di godimento e di amministrazione; la domanda corredata dal progetto dei lavori verrà inviata, col proprio parere, dallo stesso ispettorato al Comitato forestale;
    - accoglie gli avvisi di inizio lavori pervenuti da coloro che sono autorizzati a svolgere lavori di rimboschimento di terreni di loro appartenenza o per la formazione di nuovi boschi o per la ricostituzione di boschi estremamente deteriorati;
    - compila il progetto dei lavori per opere di miglioramento su incarico dell'interessato;
    - accerta la regolare esecuzione della parte di progetto corrispondente alle precedenti somministrazioni dell'istituto mutuante;
    - invita i proprietari dei terreni designati per l'espropriazione che hanno rifiutato il prezzo offerto a designare l'arbitro di loro fiducia; in seguito lo stesso Ispettorato provvede alla costituzione del Collegio arbitrale;
    - compila per conto e a spese degli interessati i piani economici dei boschi, vincolati o no, appartenenti ai comuni o ad agli enti;
    - dispone, a spese dello Stato, che la compilazione del suddetto progetto sia preceduta da una visita dei luoghi da parte di un funzionario tecnico del medesimo Ispettorato;
    - autorizza in via preventiva i tagli dei boschi fino a quando il piano economico definitivo o quello sommario e provvisorio non sarà reso esecutivo;
    - può compilare a spese dei richiedenti i progetti di utilizzazione dei boschi;
    - riceve i bilanci delle aziende comunali e le trasmette con le sue osservazioni al prefetto per l'approvazione;
    - è consultato dal prefetto per la sostituzione di agenti non idonei o per l'incremento di agenti addetti al servizio di aziende comunali;
    - è informato sulla costituzione di aziende speciali da parte dei comuni;
    - sostituisce il presidente del Comitato forestale in caso di assenza e ricopre alcune delle attribuzioni assegnate;
    - cura che siano pubblicate all'albo dei comuni le norme per l'uso dei pascoli montani.
  • Distretto forestale
    articoli: 184-185
    competenze:
    L'amministratore del distretto propone che il reddito netto dei boschi e dei pascoli di ogni singolo ente sia ripartito secondo le modalità definite all'articolo 144 del regio decreto legge 3267/1923; inoltre è tenuto a informare le amministrazioni interessate dei provvedimenti da lui adottati, intervenendo alle sedute dei consigli amministrativi degli enti.